• Contattaci al numero: +39 02 26 80 94 35

Category Archive:Blog

ByBruno Dapei

Come difendersi dai bulli

Come difendersi dal bullismo?
Purtroppo sono molte le persone, soprattutto i ragazzi in età scolare, ad essere vittime di bullismo.
Nei miei corsi di Wilding (autodifesa istintiva e mentale) insegno ai giovani cosa fare per combattere i bulli. Alla luce sia della mia esperienza nel campo dell’autodifesa psicologica, sia del mio passato. In cui sono stato sia vittima di bullismo, sia bullo.
Contrariamente a quanto spesso si pensa, oggi il bullismo colpisce sia maschi, sia femmine. E nel caso delle ragazze vittime di bullismo i bulli sono, nella maggior parte dei casi, ragazze come loro.
Ecco cinque semplici ed efficaci consigli su come evitare di essere vittime dei bulli.

1) Ignora i bulli

I bulli vogliono farsi notare, essere al centro dell’attenzione. Possono provocarti e insultarti per scatenare la tua reazione.
Per questo conviene che tu non cada nella loro trappola. Finché l’aggressione è soltanto verbale, può essere il caso di ignorarla. Quindi cambia strada se ti stanno inseguendo. E non rispondere alle loro parole. Insomma, lascia perdere. E resta impassibile. I bulli vogliono metterti in difficoltà: non dare loro questa soddisfazione!

2) Assumi un atteggiamento assertivo

Ignorare i bulli funziona soltanto se riesci a tenere un atteggiamento assertivo. Né remissivo, né aggressivo.
Lo so: quando ti insultano è normale provare paura. Ed è proprio ciò che i bulli vogliono. Per questo ignorarli non basta: devi anche far vedere che e ne infischi, che non ti importa nulla di loro. E che ti lasci scivolare addosso le loro offese. Un comportamento impaurito farebbe subito capire che non è così, e scatenerebbe una maggiore aggressività da parte dei bulli. Mentre un atteggiamento assertivo, di nonchalance, li scoraggia: se non li consideri, e nel contempo trasmetti sicurezza, non ci provano gusto!
Proprio per questo nei miei corsi di autodifesa e di antibullismo presto molta attenzione a come ci si presenta. E insegno ad avere una postura eretta; a respirare profondamente; a scaricare la tensione in modo veloce, efficace e nel contempo poco visibile da parte dei bulli. Perché non devono capire che stai provando paura!

3) Prepara le risposte

Prima dell’aggressione fisica c’è quasi sempre l’aggressione verbale. E nei due terzi dei casi i bulli si limitano ad aggredirti verbalmente, senza arrivare a metterti le mani addosso.
Certo, non è bello ricevere insulti e minacce. Ma sappi che qui puoi vincere la battaglia dialettica. Le offese dei bulli sono, all’incirca, sempre le stesse: sessiste verso le donne; omofobe verso gli uomini; razziste, o basate su una caratteristica della vittima, verso chiunque. Se la prendono con te se sei grasso, o effemminato, o non sei del posto, o ti vesti o parli in un certo modo, o ha qualcosa di peculiare che ti contraddistingue: non amano i diversi, o presunti tali.
Sapendolo, prepara le risposte: acute, intelligenti e spiazzanti. Se ti dicono “Puzzi!”, anziché ribattere “ma se mi sono lavato stamattina!” potresti dire “è vero, voglio risparmiare sul sapone”. Una battuta così dimostra che sei pronto a reagire. E che sei più spiritoso e veloce d’ingegno di lui. Potrebbe scoraggiarlo, e indurlo a smetterla.

4) Denuncia i bulli

Le violenze fisiche vanno sempre denunciate. Sempre: senza eccezioni. Ma spesso anche quelle verbali, se vanno al di là della battutaccia.
Le aggressioni fisiche dei bulli vanno denunciate sia agli insegnanti e ai genitori, sia alle forze dell’ordine. Quelle verbali agli insegnanti e ai genitori. Se non denunci, lasci il campo libero ai bulli. E dimostri di avere paura di loro. O di essere frenato dalla vergogna. Come se l’essere vittima di bullismo fosse colpa tua, e non loro!

5) Non colpevolizzarti

Mi collego a quanto scritto al punto qui sopra: non essere vittima due volte. Dei bulli, e del tuo senso di colpa. Perché alle vittime di bullismo capita, a volta, ciò che succede alle vittime di stupro: sotto sotto si convincono di essere in qualche modo responsabili di quanto è successo.
Se ti colpevolizzi diventi, in qualche modo, il bullo di te stesso. E al dolore provocato dai bulli aggiungi quello causato dalla tua psiche. Non farlo!

Imparare a reagire ai bulli in età scolastica aiuta a difendersi dai bulli nel resto della vita. Perché il bullismo non si trova solo nelle aule di scuola, ma ovunque. In politica: lo stato più forte aggredisce quello più debole. Sul lavoro: chi è più potente schiaccia chi gli sta sotto. E così via.
Se non ti difendi dai bulli, loro identificheranno in te una vittima. E sarai preso di mira in tanti ambiti. Quindi… impara a reagire al bullismo, e a farti rispettare. Ti servirà sempre!

ByBruno Dapei

Difesa personale femminile | Nasce un nuovo corso

Dall’esperienza di Mario Furlan nasce il Wilding, un nuovo corso di difesa personale femminile basato sull’istinto e perfetto per la fisicità della donna.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

Corso di difesa personale femminile

Wilding: un nuovo corso di difesa personale femminile completamente diverso dagli altri. Scopri in cosa si distingue e come difenderti efficacemente in poco tempo.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

Autodifesa femminile da strada: gestire le situazioni di emergenza

L’autodifesa femminile è un semplice metodo per acquisire sicurezza e padronanza di sé. Il Wilding è un perfetto corso di difesa personale femminile perché insegna a gestire al meglio sia le situazioni della vita di tutti i giorni, sia quelle di pericolo, come per esempio un’aggressione in strada.  Scopriamo perché l’autodifesa femminile da strada è fondamentale durante un’emergenza.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

L’istinto alla base della difesa personale femminile

Mario Furlan ha voluto dare vita a un tipo di percorso che pone l’istinto alla base della difesa personale femminile. Un percorso efficace.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

Un corso di difesa personale per tutti

La violenza sulle donne non è certo una novità dell’ultima ora ma l’idea di poter reagire, quella sì che è più recente. Le donne, infatti, hanno un rapporto “difficile” con l’autodifesa.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

Arti marziali come corsi di difesa personale? C’è di meglio!

Nelle arti marziali, e nei normali corsi di difesa personale, si insegnano tecniche belle da vedere. Eleganti. Precise. Raffinate. Con movimenti puliti, attenti al centimetro, ma nella vita realtà davanti ad un’aggressione non è cosi.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

Michele Vannacci: la Polizia di Roma a lezione di Wilding

Siamo felici di aver ricevuto una importante testimonianza sul valore e l’efficacia del Wilding da parte di Michele Vannacci, Istruttore del Primo Reparto Mobile della Polizia di Stato a Roma.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

Pugni e calci nell’autodifesa femminile?

Mario Furlan ha concepito il Wilding, la difesa personale istintiva, per essere davvero efficace sulla strada. E’ adatta a chiunque non sia un esperto di arti marziali, ma abbia desiderio di apprendere una tecnica in grado di fornirgli reali strumenti da utilizzare in momenti di difficoltà e di possibile violenza.

Leggi Tutto

ByBruno Dapei

Autodifesa da strada: azione o reazione?

Parlare di autodifesa da strada, un argomento generale di cui la difesa personale femminile è il ramo più importante, significa parlare di quelle tecniche e di quelle consapevolezze che sono alla base di un efficace e realistico metodo per difendersi in una situazione di pericolo reale.

Leggi Tutto